AntielArt ritorna dopo anni di inattività…

Questo è stato uno dei miei primi blog, all’inizio era un PHP Nuke che poi mi hanno hackerato e quindi poi sono dovuto passare a drupal. L’ho lascito qualche anno così, avevo già pensato di passare a wordpress ma il passaggio automatico fra i due è stato parecchio difficile ma alla fine ce l’ho fatta. Sto ripubblicando tutti i vecchi articoli che troverete con la data originale. Poi ricomincerò a scrivere qualcosa di nuovo… forse… Qui di seguiro vi incollo due articoli di presentazione che avevo scritto subito dopo l’hacking ricevuto, appena aperto drupal.

first-article

Sito Inutile e Web 2.0

Pubblicato Mer, 14/05/2008 – 11:43

Buongiorno, vi presento l’ennesima versione di AntielArt, non so se sarà
ancora un’altra prova o qualcosa di definitivo. Ho deciso di cambiare perché la
vecchia versione mi è stata hackerata, messa su una bella immagine con scritto
"guerra ai siti inutili"… e allora io che faccio un sito inutile… per prima
cosa prendo tutto quello che ho scritto su internet negli anni scorsi e lo metto
su questo spazio… poi continuo usando il web 2.0.

Il Web 2.0 è una nuova visione di Internet che ha appena
cominciato ad influenzare il vostro modo di lavorare ed interagire con le
informazioni in
rete.

Web 2.0 non è un software specifico, nè un marchio registrato dai
Microsoft o Google, ma un un insieme di approcci per usare la rete in modo nuovo
e innovativo.

Web 2.0 si riferisce alle tecnologie che permettono ai dati di
diventare indipendenti dalla persona che li produce
o dal sito in cui
vengono creati. L’informazione può essere suddivisa in unità che viaggiano
liberamente da un sito all’altro, spesso in modi che il produttore non aveva
previsto o inteso.

Questo paradigma del Web 2.0 permette agli utenti di prendere
informazioni da diversi siti simultaneamente e di distribuirle sui propri siti
per nuovi scopi.

Non si tratta di derubare gli altri del loro lavoro per il proprio
profitto
. Anzi, il Web 2.0 è un prodotto
open-source
, che
permette di condividere le informazioni sulle quali è stato creato Internet e
rende i dati più diffusi. Questo permette nuove opportunità di lavoro e di
informazioni che possono essere costruite sopra le informazioni precedenti.

Web 2.0 lascia ai dati una loro identità propria, che può essere cambiata,
modificata o
remixata da chiunque per uno scopo preciso. Una
volta che i dati hanno un’identità, la rete si sposta da un insieme di siti

web ad una vera rete di siti in grado di interagire ed elaborare le
informazioni collettivamente.
Tratto da
masternewmedia
.

Il sito inutile

Pubblicato Mer, 14/05/2008 – 23:11

Ecco i primi articoli su questo sito, perché inutile? Perché non ha alcuna utilità, semplicemente metto insieme tutto quello che ho scritto sul web, su carta, che penso, che voglio. Insomma le cose che non mi va di perdere e che voglio lasciare al caso. Non saranno utili a nessuno, ma forse a me si. Se non vi piace, semplicemente andate via da qui, non siete i benvenuti… se vi piace come e cosa scrivo leggete. Non ho intenzione di pubblicizzare, indicizzare, ottimizzare un bel niente, un’esperimento? Forse. Una trovata di marketing? sicuramente no! Quel che vi posso dire e che sono qui dietro e starò a vedere… Buona lettura e soprattutto buona vita a tutti!

Precedente ef - A tale of Melodies: una melodia di sentimenti Successivo Citazioni dalla Bibbia nella V serie di "The Walking Dead"

Lascia un commento


*